Posts Tagged ‘film partecipato’

#scattodamore

settembre 4, 2014

Ecco una selezione dei primi scatti arrivati per il nostro contest fotografico #scattodamore

“E ti vengo a cercare perché sto bene con te”.
#scattodamore di Francesco Brizzi
1contest


Un cane non se ne fa niente di macchine costose, case grandi o vestiti firmati. Un bastone marcio per lui è sufficiente, a un cane non importa se sei ricco o povero, brillante o imbranato, intelligente o stupido, se gli dai il tuo cuore lui ti darà il suo.
Io & Marley
 
#scattodamore di Cecilia Tosi!
3contest

“Mi piacciono le ragazze con le doppie punte, le macchine senza le multe.
Mi piacciono quei lavori in cui si suda tanto, mi piace anche la pausa pranzo.
Mi piacciono le risate e le stelle filanti, i piedi nudi in mezzo ai campi
Ma su tutto e su tutti, a me piace lei, lei piace a me”. (Dente)
#scattodamore di Alessia e Chiara.

4 contest

 

 

 Oltre la distanza, chiudendo gli occhi i nostri corpi si percepiscono, si vivono, si sentono, non è immaginazione, è viversi con la mente, è intraprendere un viaggio che non tutti possono capire, comprendere e vivere. Socchiudi gli occhi, il prossimo viaggio è li ad attenderci, sento già il sapore delle tue labbra, non è un sogno è la realtà dei nostri cuori e della nostra anima…
#scattodamore di Mattia e Alessia!

2contest

 

 

Je ris merveilleusement avec toi, voilà la chance unique.”
René Char
#scattodamore di Silvia Piccone.

10435066_738970512841394_7353653210568063441_n

 

 

“Triumph of Love in New York City”, Ph. By Marcello Garofalo, November 2012.
P.s. l’ anima gemella non è solo una metafora, esiste davvero e questo #scattodamore ne è la prova.

10487368_738276379577474_7596115217693607091_n

 

 

E ti vengo a cercare perché sto bene con te…
#scattodamore di Valeria Tomasulo.

10606201_737926346279144_482407691162854422_n

 

 

 

Amore, quando ti diranno che t’ho dimenticata, e anche se sarò io a dirlo, quando io te lo dirò, non credermi.
Pablo Neruda

10616134_736111483127297_8494362234763193483_n

 

Prendi gli effetti benefici della silvoterapia, uniscili a quelli di un abbraccio e ne verrà fuori lo #scattodamore di Angelo De Masi.

10616463_744938188911293_5741668532636338271_n

 

 

Su molte cose non erano d’accordo, anzi di rado erano d’accordo su qualche cosa. Era un litigio continuo, una sfida continua ogni giorno. Ma nonostante il loro essere così diversi, una cosa importante avevano in comune: erano pazzi l’uno dell’altra.”

litigio

“Baci rubati in bici”, lo #scattodamore di Francesca Fedeli.

baci

“…e per questo bambina tu mi piaci,
e dico “Ba-ba-baciami così..
Il tuo bacio è come un rock,
che ti morde col suo swing.”
(Adriano Celentano – Il tuo bacio è come un rock)

#scattodamore di Valeria Tomasulo

bianco e nero

– Si può trovare l’amore in un piccolo cestino?
– Sì, basta mettercelo.
#scattodamore da un tempo e da un posto lontani.

famiglia

Metti un’italiana e uno spagnolo a Bruxelles ed è subito #‎scattodamore in fotosequenza! Grazie a Irene Parmeggiani.

canzoni

Che me lo dai un bacio??
Grazie a Blue eyes per questo tenero #scattodamore !

blueeyes

“Mia nonna ha oltre ottant’anni e non ha bisogno di essere accompagnata a prendere quello che le serve. Va direttamente al bar da sola.”
HENRY YOUNGMAN

#scattodamore di Silvia Pognante!

twitter

Grazie a Irene Parmeggiani per questo #‎scattodamore‬ rubato ad Amsterdam nel 2013.

amsterdam

 

COME PARTECIPARE
Inviate le vostre foto entro il 15 ottobre all’indirizzo scattodamore@marechiarofilm.it
Oppure twittate e postate su Istangram o Facebook  #scattodamore @La27ora e @marechiarofilm.

Annunci

retrospettiva su Antonietta De Lillo programmazione 32° BFM

marzo 7, 2014

Home page BFM2

Non ho scelto deliberatamente di fare questo mestiere, in qualche modo mi sono lasciata  trasportare dagli eventi, dalle combinazioni della vita… e mi sono ritrovata a fare forse il più bel lavoro possibile, quello di immaginare mondi diversi, cercando di dar loro una forma e un senso. Il cinema non è la mia vita e non pretende di esserne un surrogato, è solo un mezzo che mi è necessario per tentare di interpretare ciò che mi circonda, ciò che è dentro di me. Il bello di questo lavoro forse è proprio quello di trovare un punto d’incontro tra ciò che è dentro di noi e ciò che fuori. Antonietta De Lillo

9 MARZO ore 15:00  sala Auditorium

Maruzzella – episodio del film collettivo I Vesuviani (18′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 10 marzo alle ore 7 dell’11 marzo

Non è giusto (90′)

in replica in free streaming su MYmovieslive! alle ore 21:30

10 MARZO ore 14:30 sala San Marco

Angelo Novi fotografo di scena (25′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 dell’11 marzo alle ore 7 del 12 marzo

Racconti di Vittoria (70′)

in replica in free streaming su MYmovieslive! alle ore 21:30

10 MARZO ore 16:15 sala San Marco

‘Osolemio (39′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 15 marzo alle ore 7 dell’16 marzo

La notte americana del dr. Lucio Fulci (30′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 12 marzo alle ore 7 dell’13 marzo

11 MARZO ore 14:30  sala San Marco

Promessi Sposi (20′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 13 marzo alle ore 7 dell’14 marzo

12 MARZO ore 11:15 sala Auditorium

Una casa in bilico (80′)

in replica in free streaming su MYmovieslive! alle ore 21:30

12 MARZO ore 14:30 sala San Marco

Pianeta Tonino – incontro con Tonino Guerra (50′)

Viento ‘e terra (38′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 14 marzo alle ore 7 dell’15 marzo

13 MARZO ore 14:30 sala San Marco

O’ cinema (18′)

in replica in free streaming su marechiarofilm.it dalle ore 17 del 16 marzo alle ore 7 dell’17 marzo

13 MARZO ore 15:15 sala Auditorium

Matilda (82′)

in replica in free streaming su MYmovieslive! alle ore 21:30

14 MARZO ore 14:30 sala San Marco

Il pranzo di Natale – film partecipato (50′)

14 MARZO ore 18:00 sala Auditorium

La pazza della porta accanto (52′)

15 MARZO ore 16:30  sala Auditorium

Il Resto di Niente (103′)

in replica in free streaming su MYmovieslive! alle ore 21:30

32° BFM – retrospettiva su Antonietta De Lillo

febbraio 27, 2014

bfm1nuovobfm2nuovobfm3bfm4bfm5bfm6

FRAMMENTI D’AMORE PER OIDA FILM PARTECIPATO

novembre 22, 2013

Frammenti d'amoresito

La presentazione del videoritratto La pazza della porta accanto di Antonietta De Lillo al Torino Film Festival nella sezione E intanto in Italia è anche l’occasione per parlare con la regista del film partecipato che la marechiarofilm ha adottato come suo modo principale di fare cinema.

In chiusura dell’incontro sarà proiettato Frammenti d’amore per OIDA film partecipato, una selezione dei diversi contributi che andranno a comporre il secondo film partecipato della marechiarofilm Oggi insieme domani anche, un’indagine sull’amore per raccontare l’Italia di oggi.

I contributi scelti sottolineano la particolarità di un percorso che dal 2010 ad oggi ha elaborato il concetto di crowdsourcing con lo scopo di creare una vera e propria community creativa, un’aggregazione di registi e operatori del mondo del cinema che lavorano insieme su un tema comune e al tempo stesso realizzano opere autonome e personali. Il film partecipato della marechiarofilm è un’occasione per usare la rete e le tecnologie digitali al servizio di nuove modalità di fare cinema che consentano agli autori di uscire dall’isolamento creativo che caratterizza i nostri tempi e di guardare alla complessità del reale attraverso una molteplicità di sguardi.

Frammenti d’amore dunque sceglie di non mostrare materiali reperiti sul web, servizi televisivi, riprese inviate dai partecipati – che pure faranno parte del montaggio finale del film – ma di presentare una selezione delle opere più significative dello spazio lasciato alla libertà e all’autonomia dell’autore nell’ambito del progetto partecipato.

Dunque materiali d’archivio, filmini di matrimonio, inchieste – per Oggi insieme domani anche ne sono state raccolte 15 – testimonianza diretta e spesso sorprendente della vox populi e del sentire di chi vive nel nostro Paese. Documentari, opere che possono avere visibilità e diffusione completamente autonome oltre che far parte del film partecipato, secondo modalità di vicinanza e affiancamento della marechiarofilm molto diversificate: opere prodotte direttamente dalla società, come nel caso di Bella di Pasquale Marino; opere ideate in occasione delle attività di workshop organizzate nell’ambito del film partecipato, come nel caso di Fuoristrada di Elisa Amoruso – menzione speciale nella sezione Prospettive Doc Italia dell’VIII Festival Internazionale del Film di Roma – sviluppato insieme e poi realizzato in modo indipendente dall’autrice; infine opere che nascono lontano e che solo in fase avanzata di lavorazione entrano a far parte del progetto partecipato, come nel caso di Fili invisibili di Andrea Papini la cui collaborazione con la marechiarofilm è nata nella fase finale della lavorazione del film.

Infine opere che adottano linguaggi di finzione per raccontare la realtà, come nel caso del corto di animazione sul tema del femminicidio Forbici di Maria Di Razza, regista  al suo secondo lavoro che con questa piccola opera ha partecipato ad oltre 50 festival italiani e internazionali.

AAMOD MATERIALI D’ARCHIVIO

dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico

di Marco Zavattini

un’immagine d’amore di altri tempi di straordinaria attualità

 

INCHLozziIESTE

L’amore è una scarpa comoda di Fabiomassimo Lozzi

inchiesta sull’amore realizzata durante il GayPride di Roma nel giugno 2012

 

 

AragonaFILMINI DI MATRIMONIO

del fotografo Antonio Aragona

matrimoni di ieri e di oggi attraverso due generazioni a confronto immortalate da uno dei più famosi fotografi napoletani

 

 

Bella DOCUMENTARI

Bella di Pasquale Marino

una storia d’amore sullo sfondo di un piccolo comune della Basilicata diventato esempio di accoglienza e integrazione

 

 

PapiniFOUND FOOTAGE

Fili invisibili di Andrea Papini

la storia della famiglia Bioni, allargata, moltiplicata, divisa tra Italia, Belgio e India, e dei fili invisibili che la tengono insieme

 

 

tutti insieme WEB-DOC

TUTTI INSIEME ritratto di una piazza  interviste di Gabriele Camelo

una piattaforma che attraverso la chiave di un’inchiesta sull’amore, traccia una mappatura di Piazza Vittorio e della stratificazione etnica, sociale,  culturale che questo luogo rappresenta.

 

Forbici ANIMAZIONE

Forbici di Maria Di Razza

cortometraggio di animazione sul tema del femminicidio ispirato a un articolo di La Repubblica del luglio 2012

IL NOSTRO FILM PARTECIPATO

ottobre 4, 2013

intestazione pdn

A dicembre 2010 la marechiarofilm lancia su repubblica.it il primo film partecipato in Italia ideato da Antonietta De Lillo Il Pranzo di Natale. repubblica.it 7 dicembre 2010

——-

Invito Il pranzo di Natale

——–

Un anno dopo, a novembre 2011, Il Pranzo di Natale viene presentato al Festival Internazionale del Film di Roma – sezione Extra. pressbook e rassegna stampa

pellicola orizzontaleIn occasione dell’anteprima de Il Pranzo di Natale, marechiarofilm lancia il nuovo progetto sull’amore Oggi insieme domani Anche. clip di lancio

pannello come partecipare-1

Il film partecipato vive di un confronto costante con il coordinamento artistico composto da professionisti del cinema e del mondo della cultura, che segue e monitora il progetto in tutte le sue fasi di sviluppo. La marechiarofilm si è impegnata nella realizzazione di numerosi incontri, eventi, attività e workshop, trasformando il film partecipato in un vero e proprio progetto.  elenco workshop e fuoridalpollaio.it

—–

workshop Casa del Cinema

——

flyer workshop—–

A febbraio 2012 si è tenuto alla Casa del Cinema e in collaborazione con il Cantiere delle Storie del Premio Solinas il primo workshop Il cinema 2.0 e la rivoluzione tecnologica, con la partecipazione di Cesare Accetta, Antonietta De Lillo e Giogiò Franchini, per stimolare i cineasti partecipanti a realizzare documentari sul tema del progetto. A partire dalle idee concepite nell’ambito del workshop è stata avviata la realizzazione dei film documentari Fuoristrada di Elisa Amoruso, Letter from an Imaginary Man di Matilde De Feo e Almas en Juego di Ilaria Jovine.

—-Letter from an Imaginary Man——-

Almas en Juego

.——-

Ad agosto 2012 il MoliseCinema è diventato il set per realizzare con la supervisione di Antonietta De Lillo il docufilm partecipato L’amore è un noceto, presentato al pubblico nella giornata di chiusura del festival. trailer

—–Teresa Iaropoli e Yuki Bagnardi

—–

Un anno più tardi, ad agosto 2013, sempre al MoliseCinema il docufilm di Yuki Bagnardi e Teresa Iaropoli Solo da tre giorni, realizzato nell’ambito del progetto Oggi insieme domani Anche – film partecipato, è stato selezionato vincitore nella sezione Percorsi.

Materiali d'amore

A gennaio 2013 è stata organizzata la rassegna web Materiali d’Amore curata da due dei coordinatori del progetto, Anna Maria Pasetti e Antonio Pezzuto, e realizzata in collaborazione con MYmovies, Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico e Zooppa.it. Sette documentari sul tema dell’amore del presente e del passato, presentati sulla piattaforma MYmovieslive! e riproposti in parte in due serate all’Apollo11 a maggio 2013. programmazione rassegna

—–

Flyer  Apollo 11—–

Molti autori professionisti e non hanno aderito al progetto realizzando docufilm, inchieste, documentari, alcuni dei quali prodotti dalla marechiarofilm o con la nostra collaborazione. Tra questi i lavori di Yuki Bagnardi e Teresa Iaropoli, Gabriele Camelo, Antonietta De Lillo e Giovanni Piperno, Raffaele Di Florio, Nunzia Esposito, Fabiomassimo Lozzi, Pasquale Marino, Bartolomeo Pampaloni, Andrea Papini, Fabiana Sargentini, Greta Scicchitano, Erika Tasini. elenco docufilm

È stato realizzato nell’ambito del progetto e in collaborazione con Rai Cinema, il film di found footage La pazza della porta accanto, conversazione con Alda Merini di Antonietta De Lillo. Un ritratto della poetessa dell’amore montato a partire dal girato di una lunga conversazione avuta dalla regista con Alda Merini nel giugno del 1995 e in parte utilizzato in quello stesso anno nel montaggio del suo lavoro Ogni sedia ha il suo rumore.

 

La pazza della porta accanto

—–

Alcune delle opere prodotte nell’ambito del progetto hanno avuto visibilità autonoma in festival e rassegne, mettendo in luce la più rilevante particolarità del film partecipato della marechiarofilm rispetto alle altre forme di sperimentazioni del crowdsourcing italiane e internazionali: conciliare la necessità di collettività con il desiderio di libertà e individualità tipica dell’autore.

——

Forbici

——-

Maria Di Razza e Costantino Sgamato

——

Forbici, graphic novel di Maria Di Razza sul tema del femminicidio liberamente ispirata a un articolo di La Repubblica del luglio 2012, è nata da un confronto creativo con Antonietta De Lillo sin dalla fase di sviluppo. Grazie alla qualità del lavoro e alla tenacia della sua autrice Maria Di Razza ha partecipato fino ad oggi a 37 festival italiani e internazionali e ha vinto due premi come migliore opera di animazione. trailer

——

L'Unità 4 gennaio 2013

—–

La nostra intuizione nata a Procida nel 2010, si è concretizzata nel corso dello sviluppo dei nostri progetti partecipati e difinita in un’intervista ad Antonietta De Lillo a cura di Francesco Possenti nell’ambito della tesi di laurea Film user generated e crowdsourcing: la moltiplicazione dello sguardo.

Tra le varie mutazioni che il cinema ha subito con l’avvento del digitale c’è anche quella relativa al concetto di “originale”. Con il digitale non si parla più di originale ma di “file nativo”. Ebbene la mia idea di progetto partecipato si estende fino alla possibilità che gli autori possano trovare una sponda per realizzare la loro narrazione, il loro film, e poi possano offrire le loro stesse immagini come parte del racconto del film partecipato. Il film partecipato è il fine ultimo del progetto partecipato, ma non l’unico. Immagino una bilancia dove da una parte si preserva l’autonomia e l’individualità di ogni singolo racconto e dall’altra si costruisce una narrazione nuova, collettiva e insieme unitaria.
Vorrei riuscire a realizzare un progetto rivolto ad autori giovani e meno giovani che possano trovare in tutto questo una “casa”, un luogo dove condividere un progetto e un’esperienza basata sul rispetto, sul rapporto paritario, dove non si partecipa per affermarsi ma per migliorarsi attraverso visioni differenti.     Antonietta De Lillo

intervista completa

Il progetto partecipato della marechiarofilm è volto dunque alla realizzazione di immagini che possano vivere insieme in un unico lavoro, in grado di restituire la complessità del reale attraverso una molteplicità di sguardi, e allo stesso tempo alla creazione di spazi dove ciascun autore possa portare avanti la propria personale narrazione. Lo scopo non è  esclusivamente quello della raccolta di immagini per la costruzione di un film di remix ma quello di stimolare l’incontro tra figure artistiche diverse e una partecipazione attiva che porti alla creazione di più opere, collettive e individuali, che sappiano guardare al reale attraverso un occhio autoriale.

—–

lennon—–

L’ultima iniziativa del progetto è stato il contest fotografico Scatti d’amore, in collaborazione con La27esimaora del Corriere della Sera, per la realizzazione di una mostra in rete e per la selezione dell’immagine che diventerà la locandina del film. mostra Scatto d’amore

Nel 2014 è iniziato il montaggio del film partecipato Oggi insieme domani Anche.

Contemporaneamente alla presentazione del film la marechiarofilm lancerà il bando di un nuovo progetto partecipato poiché la sperimentazione dell’incontro tra cinema e rete e tra autorialità e condivisione è diventato negli anni sempre più un’occasione di scambio, di creazione collettiva, di costruzione di una comunità permanente sulla rete e nella realtà.

blog marechiarofilm

copyright format film documentario partecipato|marechiarofilm 2011

deposito n. 2011002867

——-

Il Film Partecipato trattato al MashRome Film Fest nel panel “Remix is Everywhere”

maggio 12, 2013

Tutto è Remix: il processo di mixare materiali da fonti diverse, che siano suoni, letteratura o musica pop, ha una dignità artistica.
Cos’è il film partecipato? E’ anch’esso un remix? e in che forma? quali sono le modalità?
“Remix is Everywhere” è il panel all’interno del MahRome Film Fest, nel quale artisti, registi e critici si sono confrontati, analizzando l’arte e le modalità del Remix.

Ampio spazio è stato dato al progetto/idea  FILM PARTECIPATO, di cui l’ideatrice, la regista  Antonietta De Lillo e l’attrice/regista Aglaia Mora ne hanno spiegato i concetti fondanti e le modalità di espressione.

Quelle che seguono sono alcune foto corredate da stralci di intervento sul filM partecipato.

IMG_2477

Cosa è il film partecipato ideato da Antonietta De Lillo?

[In generale in tutto il suo percorso artistico Antonietta De Lillo è mossa da un desiderio di condivisione e partecipazione. Parallelamente a questo c’è l’interesse per l’evoluzione tecnologica e come questa evoluzione permette di cambiare l’estetica e il contenuto del linguaggio cinematografico, nonché le modalità produttive.

–          bisogno di partecipazione e condivisione;

–          curiosità e interesse verso per la tecnologia;

–          le potenzialità della rete;

–          il bisogno di aprire la figura dell’autore a favore di un’idea di circolarità autore-spettatore;

–          Il sospetto che le immagini possano essere rimodulate a seconda delle piattaforme che lo presentano.

–          La volontà di costituire marechiarofilm come un luogo di accoglienza e una piattaforma di incontro tra autori di diverse generazioni, offrendo l’occasione ai più giovani di lavorare al fianco di professionisti di comprovata esperienza…]

IMG_2493

Perché un film partecipato?

[Perché la realtà è stata raccontata in maniera individuale e di parte; e quindi una molteplicità di sguardi ci può restituire il senso della narrazione e un ritratto a 360° della realtà che ci circonda. E perché la possibilità tecnologica che si è venuta a creare asseconda una necessità umana che è quello di creare sempre meno distinzione tra schermo e platea…]

 

Da un punto di vista produttivo, dobbiamo dire che:

 […Frutto proprio del senso di questo approccio è che l’obiettivo non sia il film finale ma proprio il progetto. Sarebbe quindi possibile e auspicabile che all’interno di esso nascessero documentari che abbiano una loro strada, visibilità e riconoscimenti che diventare anche più rilevanti di quelli del film partecipato stesso. Quello che rappresenta la peculiarità del film partecipato rispetto ai precedenti esempi di film crowdsourced italiani e internazionali è proprio la volontà di non porre la realizzazione del film di remix come unico centro del progetto, ma di lavorare insieme per consentire ai singoli autori che ne prendono parte di realizzare delle opere che abbiano la forza di vivere anche autonomamente. La collettività e la condivisione quindi anche come occasione di realizzazione creativa individuale.

IMG_2488

 

“Forbici” in concorso al Cortoons Festival

aprile 2, 2013

“Forbici”  il cortometraggio di animazione di Maria Di Razza, selezionato alla X edizione di Cortoons, il  Festival internazionale di cortometraggi di animazione, dal 17 al 21 aprile 2013 al Teatro Palladium di Roma.

Realizzato nell’ambito del film partecipato “Oggi insieme, domani anche” di MarechiaroFilm, Forbici è una graphic novel su uno dei capitoli più drammatici della cronaca italiana: il femminicidio. Liberamente ispirato a un fatto di cronaca avvenuto a Napoli nel luglio 2012.
Per saperne di più sul Cortoons Festival
forbici-cortoons

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: