Archive for the ‘AroundMe’ Category

Una torta per la vita.

giugno 30, 2013

Il taglio della torta, negli anni, ha acquisito sempre più importanza e dedizione, decretato come uno dei momenti topici della cerimonia nuziale; l’atto che sancisce la fine della festa e  del  rito.

Negli ultimi anni, la possibilità di personalizzare la torta nuziale, ha scatenato la creatività, non solo degli addetti ai lavori, ma anche dei promessi sposi, desiderosi di  rappresentare attraverso la torta il loro approccio alla vita e alla scelta coniugale. Spazio quindi all’ironia, alla fantasia e anche al cattivo gusto.

Ognuno quindi si sceglie il/la compagno/a torta che si merita.

Quella che segue è una selezione di torte più stravaganti trovate in rete, rappresentative dei tempi che cambiano,  se in meglio o in peggio non si sa, ma sicuramente è positivo potersi esprimere anche attraverso questo dolce simbolo che fino a qualche tempo fa era standard e uguale per tutti.

2

3

4

5

6

7

1

10

11

12

13

14

15

16

18

19

20

22

23

24

26

27

28

30

31

32

33

34

35

36

37

39

40

41

43

44

45

47

48

49

50

51

52

53

54

56

57

58

59

60

62

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

64

65

66

67

76

68

69

70

71

72

73

74

75

78

79

80

81

82

83

84

Annunci

Fili Invisibili di Andrea Papini alla XI edizione dell’Ischia Film Festival

giugno 27, 2013

Fili Invisibili di Andrea Papini, prodotto e distribuito da Immaginidistribuzione in collaborazione con marechiarofilm, è stato selezionato nella sezione documentari fuori concorso all’Ischia Film Festival.

Dal 29 giugno al 6 luglio 2013, l’isola verde ospiterà l’Ischia Film Festival, la grande rassegna cinematografica internazionale che presenta opere selezionate da tutto il mondo che “valorizzano, attraverso il racconto filmico, l’identità culturale e paesaggistica di un territorio”.

Come sempre tutte le proiezioni dell’undicesima edizione del festival si svolgeranno nelle suggestive locations all’aperto del Castello Aragonese. Dunque grandi film tra il Piazzale delle Armi e la Terrazza del Convento, o nella Casa del Sole o nella Cattedrale dell’Assunta.

La giuria sarà composta da importanti personaggi del mondo del cinema e premierà le opere selezionate per la il festival. Ma durante la settimana, oltre alle proiezioni di film in concorso, ci saranno anche incontri e mostre sempre aperte al pubblico e che vedranno anche la partecipazione di grandi nomi del cinema internazionale.

MAnifesto-Fili-Invisibili-A4

“A Corto di Donne” premiazioni,sorrisi e momenti attraverso le foto di Giulia Piccione

maggio 12, 2013

La sesta edizione di “A Corto di Donne”, rassegna di cortometraggi al femminile, si è svolta a Pozzuoli (NA), presso le Terme Stufe di Nerone e la Biblioteca di Palazzo Toledo, dal 18 al 21 aprile 2013.

A seguire le premiazioni corredate dagli scatti di GIULIA PICCIONE, foto testimonianza della genuinità e della bellezza di questo Festival.

407060_10200926862435404_170177168_n

3581_10200926871155622_1187755489_n

Giuseppe Borrone, direttore artistico assieme ad Adele Pandolfi

543704_10200926959117821_1313172935_n

Adele Pandolfi e Betta Lodoli

“El mar”, di Cecilia Atan (Argentina), vince il premio quale miglior cortometraggio nella categoria Fiction. Menzione speciale, per la giuria formata da Daniele Ciprì, Marita D’Elia e Angela Prudenzi, al cortometraggio italiano “Importante, molto importante”, di Alessandra Pescetta.

12507_10200926859395328_1679956557_n

551318_10200926882875915_1843028350_n

601929_10200926946797513_406734749_n

Miglior cortometraggio della sezione Animazione è “It’s raining”, della regista russa Anna Shepilova. La giuria composta da Nicola Barile, Mario Punzo e Matilde Tortora ha inoltre assegnato una menzione speciale al cortometraggio iraniano “Lady with flower-hair”, di Sarah Tabibzadeh.

21220_10200926956197748_1350802031_n

Per la sezione Documentari la giuria formata da Marta Bifano, Ettore De Lorenzo e Barbara Rossi Prudente ha premiato “La guerra dei mariti”, di Paola Manno (Italia). Menzione speciale per “Io sono qui”, diCostanza Quatriglio (Italia) e “Lo indecible”, di Carolina Astudillo Muñoz (Cile – Spagna).

32608_10200926853555182_418559177_n

Matilde De Feo

Nella categoria Videoarte si aggiudica il premio per il miglior corto “25 di Dicembre”, di Matilde De Feo (Italia). Menzione speciale per la giuria, composta da Emma Cianchi, Alessandra Cianelli e Mario Franco, a“U_R_NOT_ME”, di Gek Li San (Singapore).

61975_10200926960637859_2101397551_n

Betta Lodoli

La direzione di “A Corto di Donne” ha inoltre assegnato il premio speciale per il miglior cortometraggio italiano a “Linea nigra”, di Anna Gigante.

I premi della Giuria Giovani, formata da 70 studenti degli istituti superiori di Pozzuoli, sono stati attribuiti a: “Non è successo niente”, di Chantal Toesca (Italia), per la Fiction; “Lady with flower-hair”, diSarah Tabibzadeh (Iran), per l’Animazione; “Il Celio azzurro di Steve”(Italia), di Rossana Cingolani, per i Documentari; “Quest’estate le zanzare saranno più cattive”, di Silvia De Gennaro (Italia), per la Videoarte.

301977_10200926857955292_1842440394_n

Ospite d’onore e madrina della sesta edizione è stato il Maestro di bisso Chiara Vigo, sarda di Sant’Antioco, unica custode dell’antica sapienza per la lavorazione della fibra secreta dalla Pinna Nobilis, da cui deriva il bisso o “seta del mare”.301977_10200926878075795_139141278_n

Un omaggio al ruolo delle donne nelle lotte di emancipazione condotte dalla Resistenza in poi ha caratterizzato la serata inaugurale del festival, con lo spettacolo teatrale “Maestre di vita”, a cura delle attrici Mariella Fabbris ed Elena Ruzza.

399814_10200926883355927_1245861786_n

Adele Pandolfi, direttrice artistica assieme a Giuseppe Borrone

562460_10200926961717886_939621811_n

Maria DI Razza autrice di Forbici

934003_10200926944357452_440217558_n

Il tema della violenza sulle donne è stato il filo rosso della sesta edizione, attraverso un reading di brani letterari sulla drammatica realtà del femminicidio e la proiezione fuori concorso del corto di animazione“Forbici”, di Maria Di Razza.

Il festival, organizzato dal Comune di Pozzuoli, dall’associazione culturale “Quicampiflegrei” e dal Coordinamento Donne Area Flegrea, si avvale della direzione artistica di Giuseppe Borrone e Adele Pandolfi, e della direzione organizzativa di Rossana Maccario e Aldo Mobilio.

480506_10200926920916866_201453995_n

www.acortodidonne.it

 

Il Film Partecipato trattato al MashRome Film Fest nel panel “Remix is Everywhere”

maggio 12, 2013

Tutto è Remix: il processo di mixare materiali da fonti diverse, che siano suoni, letteratura o musica pop, ha una dignità artistica.
Cos’è il film partecipato? E’ anch’esso un remix? e in che forma? quali sono le modalità?
“Remix is Everywhere” è il panel all’interno del MahRome Film Fest, nel quale artisti, registi e critici si sono confrontati, analizzando l’arte e le modalità del Remix.

Ampio spazio è stato dato al progetto/idea  FILM PARTECIPATO, di cui l’ideatrice, la regista  Antonietta De Lillo e l’attrice/regista Aglaia Mora ne hanno spiegato i concetti fondanti e le modalità di espressione.

Quelle che seguono sono alcune foto corredate da stralci di intervento sul filM partecipato.

IMG_2477

Cosa è il film partecipato ideato da Antonietta De Lillo?

[In generale in tutto il suo percorso artistico Antonietta De Lillo è mossa da un desiderio di condivisione e partecipazione. Parallelamente a questo c’è l’interesse per l’evoluzione tecnologica e come questa evoluzione permette di cambiare l’estetica e il contenuto del linguaggio cinematografico, nonché le modalità produttive.

–          bisogno di partecipazione e condivisione;

–          curiosità e interesse verso per la tecnologia;

–          le potenzialità della rete;

–          il bisogno di aprire la figura dell’autore a favore di un’idea di circolarità autore-spettatore;

–          Il sospetto che le immagini possano essere rimodulate a seconda delle piattaforme che lo presentano.

–          La volontà di costituire marechiarofilm come un luogo di accoglienza e una piattaforma di incontro tra autori di diverse generazioni, offrendo l’occasione ai più giovani di lavorare al fianco di professionisti di comprovata esperienza…]

IMG_2493

Perché un film partecipato?

[Perché la realtà è stata raccontata in maniera individuale e di parte; e quindi una molteplicità di sguardi ci può restituire il senso della narrazione e un ritratto a 360° della realtà che ci circonda. E perché la possibilità tecnologica che si è venuta a creare asseconda una necessità umana che è quello di creare sempre meno distinzione tra schermo e platea…]

 

Da un punto di vista produttivo, dobbiamo dire che:

 […Frutto proprio del senso di questo approccio è che l’obiettivo non sia il film finale ma proprio il progetto. Sarebbe quindi possibile e auspicabile che all’interno di esso nascessero documentari che abbiano una loro strada, visibilità e riconoscimenti che diventare anche più rilevanti di quelli del film partecipato stesso. Quello che rappresenta la peculiarità del film partecipato rispetto ai precedenti esempi di film crowdsourced italiani e internazionali è proprio la volontà di non porre la realizzazione del film di remix come unico centro del progetto, ma di lavorare insieme per consentire ai singoli autori che ne prendono parte di realizzare delle opere che abbiano la forza di vivere anche autonomamente. La collettività e la condivisione quindi anche come occasione di realizzazione creativa individuale.

IMG_2488

 

Materiali d’amore all’ Apollo Undici

maggio 10, 2013

L’Amore in due appuntamenti con Materiali d’amore

martedì 14 e martedì 21 maggio ore 20:30

Apollo Undici – Via Nino Bixio angolo via Conte Verde (piazza Vittorio)

 

E’ stata sul web a gennaio, grazie alla piattaforma mymovieslive!, la rassegna curata dalla giornalista Anna Maria Pasetti e da Antonio Pezzuto Materiali d’amore, creata nell’ambito del progetto Oggi insieme domani anche – film partecipato. Film documentari, cortometraggi e materiali d’archivio diventano un unico percorso visivo ed emotivo che ha come protagonista l’amore.

Un estratto di questo percorso arriva all’ Apollo Undici con due appuntamenti dedicati a questo tema universale:  martedì 14 e martedì 21 maggio ore 20, 30 assieme agli autori che si confronteranno con il pubblico e al consueto aperitivo.

Già protagonista e ideatrice di un altro film partecipato, Pranzo di Natale (2011), la regista napoletana Antonietta De Lillo parlerà al pubblico di questo nuovo modo fare film che dà a tutti la possibilità di prendere parte ad un progetto condiviso, e racconterà del nuovo lavoro partecipato Oggi insieme domani Anche dedicato al tema dell’amore e portato avanti con la sua casa di produzione marechiarofilm.

Interverranno alle serate, insieme agli autori dei film che saranno proiettati, registi, critici, promotori e professionisti del mondo del cinema, che da due anni contribuiscono alla realizzazione del nuovo film partecipato.


Programma:

martedi 14 maggio

  • Materiali di repertorio dall’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico:

straordinaria testimonianza dei famosi caroselli sul divorzio degli anni ’70, con la partecipazione di personalità del mondo dello spettacolo italiano da Gianni Morandi a Gigi Proietti.

 

  • Nozze d’Agosto di Andrea Parena (2012 – 61’)

film documentario presentato alle Giornate Degli Autori del Festival di Venezia 2012. La spettacolarità del rituale del matrimonio in una cittadina del sud Italia, raccontata attraverso la divertente cronaca delle giornate di un gruppo di professionisti delle feste di nozze. Mauro il regista, Max il dj, Nico il musicista e cantante, il giovane Michelangelo e Roby, creatore di una “piccola Hollywood” pugliese, programmando nell’unico cinema rimasto nel paese i filmini di matrimonio.

 

Interverrà il regista Andrea Parena.

martedi 21 maggio

  • Forbici di Maria Di Razza (2012 – 4’)

graphic novel realizzata nell’ambito del progetto Oggi insieme domani Anche, su uno dei capitoli più drammatici della cronaca italiana degli ultimi anni: il femminicidio. Liberamente ispirato a un fatto di cronaca avvenuto a Napoli nel luglio 2012.

 

  • Passo a Due di Teresa Iaropoli e Margherita Pescetti (2012 – 49’)

In un appartamento al centro di Milano vivono Gloria e Olivia, compagne di tante avventure per oltre 40anni. Le due ottantenni si mostrano nella loro quotidianità e intimità, e, rievocando la loro storia, ci consegnano un toccante racconto di vita vissuta a due al di fuori degli schemi. Un film documentario nato come esperimento produttivo collettivo con la direzione artistica di Alina Marazzi.

 

Interverranno le autrici Maria di Razza e Teresa Iaropoli.

 

 

Chi siamo:

Fondata nel 2007 da Antonietta De Lillo, marechiarofilm è una società di produzione cinematografica sensibile alle nuove tecnologie e ai nuovi sistemi di comunicazione. Nel 2011 produce Il Pranzo di Natale – presentato al Festival del Film di Romaprimo documentario partecipato in Italia, sperimentando le potenzialità del crowdsourcing e dell’incontro tra Cinema e Rete, in grado di miscelare linguaggi diversi e far lavorare giovani talenti con artisti di comprovata esperienza. Nel 2012 nell’ambito del secondo progetto di documentario partecipato Oggi insieme domani Anche, collabora alla realizzazione di numerosi docu-film, organizza workshop e rassegne. Attualmente è impegnata nello sviluppo del film Morta di Soap di A. De Lillo, nella post-produzione del film partecipato Oggi insieme domani Anche e nella produzione di numerosi documentari tra cui Let’s go di Antonietta De Lillo De Lillo e Giovanni Piperno, Frammenti d’amore. Conversazioni con Alda Merini di Antonietta De Lillo e Voglio la luna di Fabiana Sargentini.

http://www.marechiarofilm.it

 

L’Apollo11 è un cantiere creativo nato dalla volontà di aggregare artisti, operatori culturali e fondato nel 2002 per salvare lo storico Cinema Apollo di Roma dalla sua trasformazione in sala Bingo. Con il tempo, Apollo 11 si è trasformato in un gruppo stabile con sede al Piccolo Apollo in Via Conte Verde nel quartiere Esquilino, diventando quella che tutti oggi considerano la Casa del Documentario e che ha come comitato artistico e organizzativo un gruppo di professionisti quali i registi Agostino Ferrente e Mariangela Barbanente, il direttore di SalinaDoc Fest Antonio Pezzuto, la direttrice della fotografia Greta De Lazzaris.

www.apolloundici.it

 

La Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, nata alla fine degli anni Settanta, svolge la sua attività nel campo degli audiovisivi (cinema, tv, multimedialità), per favorire la costruzione di una memoria collettiva dei movimenti sociali e dei loro protagonisti. Primo presidente della Fondazione è stato Cesare Zavattini che ha ricoperto il ruolo fino alla sua morte nel 1989. La nostra Fondazione è da sempre impegnata nella ricerca, raccolta, conservazione di documenti audiovisivi storici, di repertorio, di attualità, di ricostruzione narrativa, e nella promozione della loro conoscenza, studio, analisi ed elaborazione. Organizza ricerche e studi, convegni, seminari, rassegne e mostre su temi riguardanti la storia e la società, e cura pubblicazioni specializzate.

www.aamod.it

Flyer  Apollo 11 web

 

 

 

“Forbici”, il corto di Maria Di Razza, premiato al Video Festival di Imperia.

aprile 28, 2013

“Forbici” vince al Video Festival di Imperia, nella categoria Animazione/Professionisti.

La violenza sulla donna, che trova il suo apice nel femminicidio, non ha una matrice dominante. Non c’è un censo, una cultura, una prossimità, o un’esperienza di violenze che inneschi un rapporto causa/effetto ben identificabile. Il fenomeno è trasversale, colpisce nei luoghi più imprevisti e dilaga, emergendo dalle paludi della reticenza solo in proporzione al grado di emancipazione raggiunto dalle donne. Forbici è stato realizzato nell’ambito del progetto film partecipato Oggi insieme domani Anche .

 

festival imperia

25 di dicembre di Matilde De Feo vince nella sezione videoarte del festival A Corto di Donne

aprile 22, 2013

25 di Dicembre di Matilde De Feo si aggiudica il premio per il miglior corto nella sezione Videoarte del Festival “A Corto di Donne“.

25 dicembre è stato realizzato nell’ambito del progetto Il Pranzo di Natale – film partecipato, è un corto sul ritmo compulsivo e tribale del Natale : mangiare, masticare, ingoiare, fagocitare.

 Matilde De Feo  è regista, interprete, e performer, ma soprattutto è un’entità artistica che, utilizzando vari linguaggi e strumenti, crea una comunicazione tra le sue opere e l’osservatore, proiettando quest’ultimo in un universo di segni, i cui significati rimandano al teatro, alla videoarte, alla poesia e ai sentimenti umani. Il suo progetto Mald’è” è l’ unione dei linguaggi tradizionali a quelli moderni, sfruttando l’interazione tra le capacità espressive degli uni e degli altri, senza sacrificarne le rispettive caratteristiche, ma esaltandole ed estremizzandole.

546146_532809950103255_1276355625_n

 

 

Aquadro di Stefano Lodovichi vince il premio Miglior Film Italiano alla XII°Edizione del RIFF

aprile 14, 2013

AQUADRO

OPERA PRIMA DI  STEFANO LODOVICHI

VINCE IL PREMIO MIGLIOR FILM ITALIANO EX-AEQUO

ALLA XII° EDIZIONE DEL RIFF

FESTIVAL- ROME INDEPENDENT FILM FESTIVAL

Il Film racconta  LA STORIA D’AMORE  TRA DUE ADOLESCENTI DI OGGI E IL LORO RAPPORTO CON IL SESSO VISSUTO ATTRAVERSO I NUOVI MEZZI DI COMUNICAZIONE

AQUADRO  è un  film a micro budget , opera prima del regista ventinovenne Stefano Lodovichi, autore con Davide Orsini del soggetto e della sceneggiatura finalista al Premio Solinas Experimenta 2011 e vincitrice del Premio Mattador 2011-12.
Stefano Lodovichi, è anche autore del documentario breve FIGLI DI DIO, che prese parte al progetto di film partecipato PRANZO DI NATALE, selezionato al Festival Internazionale del Film di Roma nella sezione Extra – l’Altro Cinema/Off Doc.
Fino al 15 maggio è possibile vedere gratuitamente il film sulla piattaforma Cubovision: 
aquadro_cover

La regista Antonietta De Lillo al MAshRome Film Fest

aprile 14, 2013

La regista Antonietta De Lillo, già ideatrice del film partecipato Il Pranzo di Natale e Oggi insieme domani Anche, interverrà il 9 maggio, ore 10.00 – 13.00, nel panel “Remix is Everywhere” all’interno del MAshRome Film Fest, presso Real Academia de España en Roma, Piazza Pietro in Montorio, 47.

 Il film partecipato è prima di tutto un Progetto. Un’attività creata da incontri, scambi artistici, confronti tra registi e la società di produzione. Rapporti avviati sin dalla fase embrionale di un’opera, dalla scelta del soggetto alla concretizzazione dell’idea; realizzando così, documentari, inchieste, cortometraggi. Il progetto partecipato, quindi, come rispetto dell’opera singola, momento di incontro, e non solo concessione di frammenti da mettere al servizio di una nuova narrazione (il film partecipato). Un esempio di come un’opera all’interno del film partecipato possa avere piena autonomia e indipendenza narrativa è il cortometraggio FORBICI di Maria Di Razza, presentato a vari concorsi nazionali e selezionato ai David di Donatello. Forbici fa parte del prossimo progetto Oggi insieme domani Anche di marechiarofilm, ed è la dimostrazione di come  il progetto partecipato sia un “più” della somma delle parti, le cui parti, anche se separate, possono percorrere strade parallele e autonome. Se l’unione fa la forza la partecipazione fa di più.

734003_587428621270442_442431057_n

A Corto di Donne

aprile 14, 2013

Quaranta film, selezionati tra i circa 500 lavori iscritti da 52 paesi di tutto il mondo, saranno presentati in concorso nella sesta edizione di “A Corto di Donne”, rassegna di cortometraggi al femminile, in programma a Pozzuoli (NA) dal 18 al 21 aprile 2013.

Nata per promuovere i nuovi talenti del cinema al femminile e contribuire al rilancio di un territorio dalle straordinarie potenzialità turistiche, ambientali e culturali, la rassegna sarà ospitata in due luoghi simbolo della Terra del Mito: le Terme Stufe di Nerone, situate nel cuore dei Campi Flegrei, a ridosso dei laghi di Averno e Lucrino, e la rinnovataBiblioteca Civica “Raffaele Artigliere” di Palazzo Toledo, sede del Polo Culturale di Pozzuoli.

Il tema della violenza sulle donne sarà il filo rosso della sesta edizione, attraverso un reading di brani letterari sulla drammatica realtà del femminicidio e la proiezione fuori concorso del corto di animazione “Forbici”, di Maria Di Razza, realizzato all’interno del film partecipato Oggi insieme domani Anche.

Tra le opere in concorso presenti anche TangoFriendExperience di Filomena Iavarone, realizzato all’interno del progetto film partecipato Oggi insieme domani Anche e “25 dicembre” di Matilde De Feo, realizzato all’interno del primo film partecipato “Il pranzo di Natale“.

Per maggiori info: www.acortodidonne.it

BANNERCORTODIDONNE

 


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: